Città più sicure con il rilevamento audio

Commend International, specialista internazionale nel campo delle tecnologie audio basate sull’intelligenza artificiale, sta collaborando con l’Università di Scienze Applicate di Salisburgo per perseguire un nuovo approccio nella sicurezza urbana che prevede la misurazione del livello di rumore nelle città al fine di individuare situazioni di pericolo. Come spiega Michael Thalhammer, responsabile dello sviluppo di Commend “grazie al progetto di collaborazione con ricercatori e studenti dell’Università di Salisburgo, Commend integra soluzioni per la sicurezza urbana con la misurazione del livello di rumore.”

Read more

Sicurezza informatica grazie alla ricerca: Commend coopera con SBA Research

I sistemi di comunicazione e sicurezza Commend sono progettati non solo per difendere beni finanziari e materiali, ma potenzialmente anche vite umane. Per questo motivo gli ingegneri Commend hanno da tempo investito molti sforzi, risorse finanziarie e collaborazioni di ricerca di alto profilo nell’implementazione del principio “Privacy and Security by Design” nella piattaforma interfonica basata sul cloud “Symphony“.

Per garantire un livello di protezione sempre elevato, gli ingegneri software e gli esperti di prodotto Commend collaborano intensamente con partner di ricerca come SBA Research. Queste collaborazioni fanno parte di un progetto globale (“Symphony: Intercom as a Cloud Service”) sponsorizzato dall’Agenzia austriaca per la promozione della ricerca (FFG). Insieme a SBA Research, il centro di ricerca con sede a Vienna specializzato nell’information security, Commend ha concluso con successo un’altra fase del progetto. Dal marzo 2022, il team di esperti si è concentrato sugli aspetti critici per la sicurezza dello sviluppo del software Commend. L’obiettivo principale era quello di implementare la capacità di eseguire analisi e test di sicurezza sistematici e approfonditi già nelle prime fasi di progettazione dei prodotti e dei moduli software.

La collaborazione con SBA Research ci ha permesso di implementare metodi per verificare la presenza di potenziali rischi nelle singole parti del nostro software in fasi molto precoci del processo di codifica” spiega Klaus Hirschegger, responsabile del progetto Commend. “In questo modo, possiamo apportare le modifiche opportune e prendere le precauzioni necessarie prima di passare alla fase successiva. In termini tecnici si parla di ‘approccio shift-left’. Ciò significa che i test di sicurezza non vengono più eseguiti alla fine della fase di sviluppo, come avveniva fino a non molto tempo fa. I test vengono invece eseguiti nei momenti critici dell’intero processo di sviluppo. È un modo efficace per prevenire le vulnerabilità di sicurezza nel prodotto finito”. In Commend, tutti questi sforzi sono raggruppati sotto il termine generale di “Privacy and Security by Design”.

Tutto questo è possibile grazie all’utilizzo delle più recenti ricerche in aree quali la modellazione matematica e i test di sicurezza, come quelle fornite dal gruppo di ricerca MATRIS. “Sono sempre affascinato nel vedere come la ricerca e i metodi derivanti da cooperazioni internazionali si traducano in prodotti e servizi pratici. Soprattutto i sistemi e i processi industriali complessi traggono enormi vantaggi da questo tipo di sinergie“, afferma Reinhard Kugler, responsabile del progetto SBA. “Sono le conoscenze provenienti da tutti i campi diversi, come i test di sicurezza, l’apprendimento automatico o la modellazione delle minacce, a fornire la base necessaria. Tutti questi elementi si combinano per consentire valutazioni e test di sicurezza durante la fase di ideazione e progettazione, prima ancora che venga scritta una sola riga di codice. E soprattutto, questo permette all’ingegnere del software di tracciare i flussi di dati fino alle stesse linee di codice che li generano”.

Il risultato: qualità e sicurezza attraverso la ricerca

Tutti gli aspetti del prodotto e le aree di produzione sono stati controllati e ricontrollati per individuare potenziali superfici di attacco. Allo stesso tempo, l’architettura di sistema della piattaforma Symphony è stata analizzata alla luce delle migliori pratiche di sicurezza informatica. Nel corso del processo, la piattaforma è stata sottoposta a una serie di attacchi di hacking durante frequenti cicli di pen-test. Tutto questo è culminato in un risultato altamente rassicurante per la piattaforma Symphony giudicata “molto robusta”.

Come conferma Kugler, egli stesso appassionato di pen-testing, “Symphony non ha avuto difficoltà a respingere gli attacchi”. Anche Michael Thalhammer, Responsabile Ricerca e Sviluppo di Commend International, è più che soddisfatto dei risultati: “La partnership di ricerca ci permette di mantenere un livello completo di garanzia di qualità che si estende all’intero ecosistema Commend con tutti i suoi sistemi. Siamo molto contenti e soddisfatti dei risultati. Ovviamente”, aggiunge Thalhammer, “non esiste una protezione informatica perfetta al 100%. Ma grazie alle ultime ricerche che ci aiutano a mettere in pratica il principio di ‘Privacy and Security by Design’, i nostri clienti possono essere certi che ci stiamo avvicinando molto”.

Per maggiori informazioni:

https://www.commend.com/it-it/notizie-interfoniche/dettaglio/security-by-research-product-rd-cooperation-with-sba-research-pushes-frontier-of-seamless-it-secur.html

Sicurezza del personale sanitario con i terminali di chiamata d’emergenza Commend

Le notizie di aggressioni al personale sanitario negli ospedali si susseguono in modo preoccupante con una frequenza disarmante. Dagli ultimi Dati Inail rilasciati a novembre 2023 emerge che i casi di aggressione e violenza ai danni del personale sanitario nel 2022 sono stati più di 1.600, in aumento rispetto al 2021 e 2020 (e in ripresa rispetto ai dati pre-pandemia del 2018 e 2019 quando i casi di violenza nella sanità erano stati oltre duemila all’anno). In più di sette casi su 10, le vittime sono donne.

La tecnologia in questo scenario può fare la differenza, aiutando a rispondere tempestivamente alle situazioni di emergenza e agendo anche da deterrente verso tentativi di aggressione al personale sanitario. È quanto si sta sperimentando nei Pronto Soccorso di Pordenone, Spilimbergo e San Vito al Tagliamento e nel reparto di Psichiatria del Santa Maria degli Angeli di Pordenone, dove sono stati installati terminali Commend per le chiamate d’emergenza.

Read more

Trentino Trasporti Spa sceglie Commend per comunicazioni sicure sulle ferrovie

Commend Italia, specialista in sistemi di comunicazione e sicurezza, ha collaborato con Trentino Trasporti S.p.A., società responsabile del trasporto pubblico della Provincia Autonoma di Trento, per risolvere le problematiche relative alle comunicazioni nelle gallerie e nelle stazioni della linea ferroviaria Trento-Malè-Mezzana.

Read more

Commend presenta Ivy Voice Assistant, il primo assistente vocale interfonico al mondo basato su IA

Commend, specialista internazionale di sistemi di comunicazione e sicurezza, presenta Ivy Voice Assistant, il primo assistente vocale interfonico al mondo che sfrutta l’intelligenza artificiale (IA) conversazionale, sviluppato per migliorare il servizio clienti e supportare il personale delle control room.

L’espressione intelligenza artificiale sta diventando sempre più familiare e la tecnologia che sta alla base dell’IA si sta facendo strada in numerosissime applicazioni. Ormai siamo abituati a usare ChatGPT, Siri, Alexa e altre applicazioni per trovare informazioni o ascoltare la nostra musica preferita. Ma per quanto riguarda gli ambienti di lavoro? I servizi clienti, ad esempio, in cui domande e risposte utili sono una parte essenziale dell’attività quotidiana? È qui che entra in gioco Ivy Voice Assistant.

Read more