WatchGuard® Technologies, ha rilasciato il suo nuovo Internet Security Report relativo a Q2 2020. Tra i risultati più rilevanti, il report evidenzia che nonostante una diminuzione dell’8% nelle rilevazioni malware complessive in Q2, il 70% di tutti gli attacchi hanno visto protagonista il malware zero day (varianti che aggirano le firme antivirus), in crescita del 12% rispetto al primo quarter dell’anno.

L’Internet Security Report di WatchGuard fornisce un’analisi dettagliata delle ultime tendenze per quanto riguarda gli attacchi di rete e malware, una ricerca approfondita sulle minacce, e le best practice che le organizzazioni possono adottare per proteggere meglio se stesse, i clienti e i partner.

Si basa sui dati in forma anonima provenienti dai Firebox Feed di appliance WatchGuard attive i cui proprietari hanno acconsentito alla condivisione dei dati per supportare gli sforzi di ricerca del Threat Lab di WatchGuard. Nel secondo trimestre del 2020, circa 42.000 appliance WatchGuard in tutto il mondo hanno fornito dati di intelligence sulle minacce per questo report: hanno bloccato più di 28.5 milioni di varianti di malware in totale (684 per dispositivo) e più di 1.75 milioni di attacchi di rete (42 attacchi per dispositivo). Le appliance WatchGuard Firebox in totale hanno rilevato e bloccato 410 firme uniche di attacco in Q2, il 15% in più rispetto a Q1, il numero più alto dal Q4 2018.

Il report completo include ulteriori approfondimenti sui principali malware e tendenze di rete che interessano oggi le aziende del midmarket, nonché le strategie di sicurezza consigliate e le best practice per difendersi. Il report include anche un’analisi dettagliata della recente ondata di violazioni dei dati provocata dal gruppo di hacker ShinyHunters.

L’Internet Security Report di WatchGuard riferito a Q2 2020 è disponibile qui: https://www.watchguard.com/wgrd-resource-center/security-report-q2-2020.